:: SPEDIZIONI GRATUITE A PARTIRE DA 50 EURO ::

Le molteplici proprietà del latte d'asina


Il latte d’asina ha una composizione molto simile al latte materno, contiene meno grassi rispetto al latte vaccino e risulta più digeribile.

Vediamo quali sono le proprietà, i benefici e i valori nutrizionali del latte d’asina.

Latte d’asina: proprietà e valori nutrizionali

Il latte costituisce il primo alimento nei mammiferi ed è un alimento completo per i neonati: nelle varie specie animali, il latte ha una composizione qualitativa molto simile che differisce però molto quantitativamente. Il latte infatti è una soluzione in cui si trovano acqua, grassi, proteine, lattosio, vitamine e sali minerali le cui quantità sono diverse tra le varie specie.

Il latte d’asina ha una composizione molto simile al latte umano: contiene infatti percentuali di proteine e lattosio che si avvicinano a quelle del latte materno.

Per quanto riguarda il contenuto proteico, il latte d’asina ha una percentuale in proteine che si avvicina molto a quella del latte umano (circa l’1,5%) e, rispetto al latte bovino, contiene una percentuale inferiore di caseine (meno del 40%, contro l’80% nel latte vaccino), proteine che possono indurre allergie nei bambini.

Nel latte vaccino i grassi rappresentano circa il 3,7%, un contenuto molto simile a quello che troviamo nel latte umano; il latte d’asina contiene invece una bassa percentuale di lipidi (0,3-1,8%). Gli acidi grassi che caratterizzano il latte d’asina sono l’acido oleico, l’acido palmitico, l’acido linoleico e acidi grassi a catena corta. I globuli di grasso, o micelle, del latte d’asina sono più piccoli rispetto a quelli del latte vaccino, dunque risultano essere più digeribili perché gli enzimi digestivi possono aggredirli più facilmente.

Riguardo al lattosio, la percentuale contenuta nel latte d’asina varia tra il 5,8 e il 7,4%; in quello umano troviamo percentuali tra il 6.4 e il 6,8%, mentre nel latte vaccino la percentuale scende a 4.6. L’alto contenuto di lattosio nel latte d’asina lo rende più dolce e appetibile e favorisce inoltre l’assorbimento del calcio.

Il lattosio è un disaccaride, cioè uno zucchero composto da due monosaccaridi: galattosio e glucosio. Il lattosio viene sintetizzato dalla ghiandola mammaria a partire dal glucosio, che viene prima convertito in galattosio e, successivamente, legato a una molecola di glucosio; è quindi una fonte di glucosio - e quindi di energia per l’organismo e in particolare per il cervello - e galattosio, una molecola fondamentale per la sintesi dei galattolipidi, importanti costituenti delle cellule nervose.

Infine, il contenuto in sali minerali del latte d’asina risulta analogo a quello che troviamo nel latte materno umano. Il latte vaccino contiene invece circa il doppio di sali minerali, tra cui il calcio, importante costituente di ossa e denti e coinvolto nella trasmissione nervosa. Il rapporto tra calcio e potassio risulta però essere migliore nel latte d’asina rispetto al rapporto che si ha nel latte vaccino.